NASCONDI

Il boom dell’orto in città: +36% in 5 anni

Condividi:

Italiani popolo di hobby farmes”: è eloquente il titolo dello studio realizzato da Coldiretti/Ixe’, i cui dati sono stati diffusi nei giorni scorsi. Un vero e proprio boom è quello che si registra negli orti in città: sono cresciuti del 36% in 5 anni gli spazi pubblici dedicati alla coltivazione di verdure e ortaggi, mentre ben 6 italiani su 10 si dedicano alla cura di orti e giardini.

“L’investimento per realizzare un orto tradizionale in giardino si può stimare – informa la Coldiretti – intorno ai 250 euro per 20 metri quadrati ‘chiavi in mano’ per acquistare terriccio, vasi, concime, attrezzi, reti per delimitare le coltivazioni, sostegni vari, sementi e piantine”.

Individuare lo spazio giusto e, la stagionalità, conoscere la terra di cui si dispone, scegliere attentamente semi e piantine a seconda del ciclo e garantire la disponibilità di acqua sono alcune delle regole da seguire per ottenere buoni risultati.

E per chi non ha disponibilità di spazi propri, mai così tante aree verdi sono state destinate ad orti pubblici in Italia nelle città capoluogo dove con una crescita del 36,4% in cinque anni si è raggiunto il record di oltre 1,9 milioni di metri quadri di terreno di proprietà comunale, divisi in piccoli appezzamenti e adibiti alla coltivazione familiare, secondo una analisi della Coldiretti su dati report Ambiente urbano 2017 di Istat.

“La crescita degli orti urbani in Italia – sottolinea la Coldiretti – ha riguardato soprattutto il Nord con l’Emilia Romagna che guida la classifica delle regioni ‘urban farmers’ con il 37% di tutti gli orti pubblici a livello nazionale per oltre 704mila metri quadrati, seguita dalla Lombardia con il 10,2% e più di 193mila metri quadrati e dalla Toscana con il 9% e oltre 170mila metri quadrati”.

Nella “top five” regionale entrano anche il Veneto con l’8,5% e 160mila metri quadrati e il Piemonte con il 7,6% e quasi 144mila metri quadrati. Fra le regioni del centro Italia la leadership spetta alle Marche con più di 104mila metri quadrati, con alle spalle Umbria e Lazio. Mentre al sud la classifica è guidata dalla Campania rappresentata dagli oltre 116mila metri quadrati di Napoli seguita da Sicilia, Sardegna e Calabria.

La ricerca del verde, la voglia di recuperare ritmi più naturali nella vita quotidiana, il bisogno di un’attività fisica diversa dagli allenamenti in palestra e la soddisfazione di portare in tavola il frutto del proprio lavoro – evidenzia la Coldiretti – ha generato un vero e proprio boom degli orti urbani nelle grandi aree metropolitane come a Napoli dove gli spazi comunali degli hobby farmers sono aumentati di 13 volte arrivando a oltre 116mila metri quadrati o a Milano che ha registrato una crescita dell’86,8% sfiorando i 74mila metri quadrati, mentre Torino segna un aumento del 20% arrivando a 60mila metri quadrati contro i 67mila metri quadrati di Verona cresciuta del 12,6%. Ma il record nazionale assoluto per la disponibilità di spazi per appassionati della zappa – sottolinea la Coldiretti – spetta a Bologna con 165.843 metri quadrati, ma con una crescita più contenuta del 5,8% in cinque anni rispetto ad altre città italiane. Fra le grandi metropoli del sud, se si esclude Napoli, Palermo è invece stabile a 30 mila metri quadrati mentre a Roma si superano i 20 mila metri quadrati.

Tags

Produttori e negozi

GardenTV è anche una community di produttori, negozi, servizi. Trova i più vicini a te.