Orticolario 2017: è ora di “Librarsi verso la luna”

Condividi:

Dal 29 settembre all’1 ottobre Villa Erba, sul lago di Como, ospita Orticolario, l’evento culturale dedicato alla passione per il giardino. Con una novità per il 2017: l’apertura “notturna” fino a mezzanotte nei giorni di venerdì e sabato 29 e 30 settembre. Il tema quest’anno è “Librarsi verso la luna”.

“Orticolario 2017 ribadisce la sua identità: dedicato alla passione per il giardino e alle sue capacità di trasmettere emozioni e bellezza, vuole essere un autentico omaggio alla natura attraverso una concezione evoluta di giardino, e offrire al visitatore un percorso sensoriale tra giardinaggio, botanica, paesaggio, arte e design”, spiegano gli organizzatori a poche ore dall’evento.

Ben definite le sembianze della nona edizione: il titolo è “Librarsi”, il tema è la luna, il fiore protagonista è la Fuchsia. “La Luna – proseguono – musa ispiratrice di miti e leggende, danza intorno a noi dalla notte dei tempi svelando ai nostri sensi un mondo diverso dal giorno: nel chiarore della sua luce riflessa giardini e boschi si animano di ombre, movimenti, rumori e profumi, le piante si risvegliano, i fiori si schiudono. La Fuchsia, ballerina da giardino, fiore dalle mille colorazioni e dalle notevoli sfumature sia nei fiori sia nelle foglie, esempio perfetto dell’amore tra l’uomogiardiniere e la pianta”.

Indissolubilmente legato alla luna è l’ospite d’onore di Orticolario 2017, Gilles Clément, scrittore e paesaggista francese che riceverà il premio “Per un Giardinaggio Evoluto 2017”. Per celebrare la vita notturna del mondo vegetale e per vivere i giardini sotto altra luce, novità assoluta di questa edizione è l’apertura serale fino a mezzanotte nei giorni di venerdì e sabato 29 e 30 settembre, con un calendario di iniziative ad hoc.

Essenza di Orticolario: i giardini allestiti nel parco, ispirati al tema dell’anno e selezionati tramite il concorso internazionale “Spazi Creativi” da una giuria appositamente costituita, composta da membri di diverse nazionalità; il vincitore si aggiudica il premio “La foglia d’oro del Lago di Como”. Come sempre l’evento è arricchito da un’ampia esposizione di piante e fiori (tra cui piante rare, insolite e da collezione) proposti da selezionati vivaisti nazionali e internazionali, oltre che da artigianato artistico, design, installazioni d’arte.

Il programma comprende inoltre incontri culturali e laboratori didattico-creativi per i bambini, così che partendo dal giardino la manifestazione possa coinvolgere anche molti altri ambiti. Per l’edizione 2017 di Orticolario (convenzionato con il Fai), sono attesi 25mila visitatori, di cui 3mila bambini (il 20% sarà alla sua prima visita); 270 sono gli espositori coinvolti.

Gilles Clément sarà ospite di Orticolario il 29 settembre. “È in seguito alla pubblicazione delle prime foto della Terra vista dalla Luna che Gilles Clément cominciò a riflettere sul tema del Giardino Planetario”. L’ispirazione per Orticolario 2017 è nata proprio da questa frase custodita nelle pagine del libro Piccola pedagogia dell’erba. Riflessioni sul Giardino Planetario di Gilles Clément, a cura di Louisa Jones (DeriveApprodi, 2015).

Dice Moritz Manero: “Mettendoci sulla luna e guardando la terra, Gilles Clément si interrogherà con noi venerdì 29 settembre nel Padiglione Centrale di Villa Erba. L’occasione di avere ospite a Orticolario colui che è considerato un vero maestro per molti miei amici paesaggisti, mi rende orgoglioso e felice”.

In occasione della sua partecipazione, gli verrà assegnato il premio “Per un Giardinaggio Evoluto 2017”, realizzato da Francesco Mazzola di FDM F.lli Mazzola, mentre sarà lui a premiare l’installazione vincitrice del concorso internazionale “Spazi creativi”.

Anche nel 2017 numerosi progettisti del paesaggio e dei giardini, architetti, designer, artisti e vivaisti hanno partecipato alla competizione. Gli otto progetti selezionati sono stati realizzati nel parco e concorrono al premio “La foglia d’oro del Lago di Como”.

Progetti selezionati per il 2017
1. Spazio Materia Mista “Che fai tu luna in ciel, dimmi che fai…?” di Gheo Clavarino Giardini e Terrazzi (Milano)
2. Spazio Archiverde “Moonlight Garden” di Leonardo Magatti, Cernobbio
3. “Dark Side of the Moon” di Rateni Costruzioni
4. Spazio Green Bricks “Allunaggio” di Monica Botta, Bellinzago Novares
5. “Profusion” di DAMD, Aarhus (Danimarca)
6. Spazio Garden Lignano “Ciclicità lunare” di Roberto Landello, Lignano Sabbiadoro
7. Spazio Green Service “Metamorfosi” de Il papavero blu, Longone al Segrino
8. “Dentro alla Luna” di Daniela Piazza, Balerna (Svizzera)

Il padiglione centrale è la piazza di Orticolario, dove l’evento ha inizio e dove tutti passano. Per il terzo anno sarà allestito da Vittorio Peretto, paesaggista socio fondatore di Hortensia Garden Designers, che ha accettato in modo creativo la sfida lanciata da Moritz Mantero, con un uso geniale della materia umana e vegetale che, come il giorno e la notte, si confrontano e si alternano in un gioco eterno. Così, partendo dal tema dell’anno, la luna, Peretto, in collaborazione con gli studenti della Fondazione Minoprio e con il sostegno di Brianza Design, trasformerà con grande ironia il padiglione centrale di Orticolario 2017 in “Luna-Park”.

Oltre il giardino, Orticolario si spinge anche verso l’arte e il design. Numerosi gli artisti e i designer che espongono nelle varie aree interessate dall’evento: nei sotterranei di Villa Erba, nelle ali del centro espositivo, nel parco.

Numeroso l’elenco di ospiti attesi per il ricco programma di incontri, cui si aggiungono gli appuntamenti per i “Piccoli giardinieri”: ai bambini è dedicato un programma ad hoc.

Programma dettagliato e informazioni su www.orticolario.it; foto di copertina di Luciano Movio.

Produttori e negozi

GardenTV è anche una community di produttori, negozi, servizi. Trova i più vicini a te.