Orticolario 2019, dal 4 al 6 ottobre

Condividi:

L'unidicesima edizione di Orticolario si svolgerà dal 4 al 6 ottobre a Villa Erba sul lago di Como. Intitolata “Fantasmagoria”, sarà dedicata al “Viaggio”, alle bacche e ai piccoli frutti e si terrà come di consueto nel parco storico di Villa Erba a Cernobbio (CO), dimora ottocentesca sul Lago di Como, già residenza del regista Luchino Visconti.

«Il tema del “Viaggio” evoca avventure, miti e leggende di uomini e piante che raccontano la storia dell'esplorazione, grazie a cui nuove specie hanno popolato e trasformato giardini e paesaggi. Scoperte che hanno permesso e che permettono tuttora il continuo miglioramento della vita umana attraverso la scienza, di cui la natura è fonte d’ispirazione e guida», spiega Anna Rapisarda, curatrice di Orticolario.

«Le bacche sono, insieme alle foglie che iniziano a mutare di colore, le protagoniste dell'autunno e dell'inverno. Spesso si tratta di piccoli frutti edibili. Sono anche il mezzo di riproduzione della pianta che le ha prodotte, anche attraverso la fauna che ne fa alimento – commenta il fondatore e presidente Moritz Mantero – Orticolario dedica la prossima edizione alla bellezza delle loro forme e dei loro colori, proprio per festeggiare questo meraviglioso ciclo della natura».

L’essenza di Orticolario è nitida in ogni suo dettaglio: è un viaggio intorno alla natura, tra giardinaggio, paesaggio, arte e design, tutti elementi che contribuiscono a solleticare una certa sensibilità, a creare un’idea evoluta di giardino, che può essere fuori e dentro le mura di casa, senza confini concettuali. Orticolario non è solo un garden show, né tantomeno una mostra-mercato, è soprattutto un evento culturale e artistico per la cultura del paesaggio che genera un circolo virtuoso con finalità benefiche: le attività culturali in scena a Villa Erba sono realizzate proprio attraverso il Fondo Amici di Orticolario che devolve poi contributi a progetti sociali di cinque associazioni del territorio lariano. Queste stesse associazioni sono a loro volta impegnate attivamente in Orticolario.
E la diffusione della cultura del paesaggio, quest’anno è ribadita dalla scelta dell’ospite d’onore: lo svizzero Paolo Bürgi, architetto paesaggista tra i più apprezzati a livello internazionale, a cui viene assegnato il premio “Per un Giardinaggio Evoluto” 2019.
Come in ogni viaggio che si rispetti non manca “L’Isola del tesoro”, installazione del Padiglione Centrale firmata dal paesaggista Vittorio Peretto e ispirata all’Isolino Virginia (Lago di Varese), il sito Unesco più antico dell’arco alpino. Punto di partenza per addentrarsi nelle installazioni nel parco, ispirate al tema dell’anno e selezionate tramite il concorso internazionale “Spazi Creativi”. Per la prima volta, tra i finalisti, progettisti da Stati Uniti e Russia. Il vincitore si aggiudicherà il premio “La Foglia d’oro del Lago di Como”.
Ampia l’offerta di piante rare, insolite e da collezione proposte da selezionati vivaisti nazionali e internazionali, oltre che di artigianato artistico. E ancora installazioni d’arte (quest’anno sono ben cinque gli artisti presenti) e design (in particolare il progetto “DehOr. Design your horizon”, aree espositive e di relax realizzate da designer). Che dire poi del programma di incontri culturali e di laboratori didattico-creativi per i bambini? Denso e articolato, fa di Orticolario il principale evento dedicato alla cultura del bello.

Nella foto di copertina (di Luciano Movio) "La topitta" di Luciano Magatti, vincitore del concorso internazionale Spazi Creativi 2018.

- La redazione -

Produttori e negozi

GardenTV è anche una community di produttori, negozi, servizi. Trova i più vicini a te.